Ora in onda

Titolo

Artista

Programma attuale


Inaugurato a Innsbruck l’Anno dei Musei dell’Euregio 2021

Scritto da il 27 Maggio 2021

Oggi a Innsbruck, dopo la riunione della Giunta e dell’assemblea del Gect, si è celebrato al Museo di Arte popolare di Innsbruck anche il lancio ufficiale dell’Anno dei Musei Euregio 2021, al quale partecipano oltre 60 musei in 70 località dei tre territori (una decina quelli del Trentino). Simbolo di questo numero impressionante di istituzioni museali partecipanti e di cooperazioni transfrontaliere erano dei bastoni per escursioni sul palco. Uno di questi bastoni sarà anche dotato di un modulo Gps e verrà trasmesso da un museo all’altro.

L’Anno dei Musei è uno dei progetti faro del programma di lavoro condiviso della Presidenza del Tirolo ed è il vero fiore all’occhiello dell’anno. In linea con il focus tematico “Trasporti – Transito – Mobilità”, il motto comune è “Il museo muove”. Le istituzioni culturali e gli artisti in particolare hanno sofferto enormemente della crisi da Covid-19. “È quindi tanto più significativo che l’Anno dei Musei dell’Euregio possa portare il mondo della cultura del Tirolo, dell’Alto Adige e del Trentino davanti al sipario”, sottolinea il Presidente Platter. Il portale relativo 2021.euregio.info fornisce tutte le informazioni necessarie. Numerose mostre sono già state aperte e altre seguiranno nelle prossime settimane. Sabato 29 maggio, per esempio, i musei provinciali tirolesi del Museo di Arte Popolare (Volkskunstmuseum) e l’Armeria di Innsbruck (Zeughaus) apriranno l’anno museale con un programma pubblico appositamente studiato.

“La storia e lo sviluppo della mobilità alpina nei nostri paesi sono diversi. I musei lo illuminano da tutti i lati e rivelano momenti sorprendenti ed emozionanti. Soprattutto in un periodo in cui la mobilità era fortemente limitata a causa della pandemia, i musei dell’Euregio riescono a mettere un forte punto esclamativo e a creare un impressionante riferimento al presente”, sottolineano il Presidente Platter e l’assessora alla cultura Beate Palfrader, che attendono numerosi visitatori.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. Campi obbligatori *