Ora in onda

Titolo

Artista


Rifugiati ucraini alla CoFoE, anche noi un siamo un petalo di quel fiore chiamato Europa

Scritto da il 22 Marzo 2022

“Scappando dall’Ucraina mia figlia teneva in mano un fiore, un fiore che manda un messaggio: siamo tutti petali tutti attaccati allo stesso bulbo, l’Ucraina è uno dei petali di quel fiore chiamato Europa.Per favore aprite la porte dell’adesione dell’Ucraina all’Ue, non solo per mia figlia ma per i vostri stessi figli”. Così Bozhena Boriak, una delle cittadine ucraine sfollate in Europa e intervenute oggi alla plenaria della Conferenza sul Futuro dell’Europa in corso al Parlamento europeo a Strasburgo mentre mostrava all’emiciclo una foto ritraente sua figlia che stringe un fiore durante il viaggio di esodo verso la Polonia. “Quella in corso non è un tragedia per l’Ucraina ma per tutta la famiglia europea, il mio Paese è in rovina e coperto di sangue ma non cederà, poiché siamo un popolo forte e unito”, prosegue Boriak. “La resistenza l’Europa l’ha conosciuta nei vostri libri di storia, ma ora potete esserne protagonisti difendendo l’Ucraina, per favore chiudete i cieli e isolate la Russia”, ha concluso Boriak.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. Campi obbligatori *