Ora in onda

Titolo

Artista

Programma attuale


Covid: anziani più a rischio per deficit cellule immunitarie

Scritto da il 21 Giugno 2022

È stato evidenziato fin dall’inizio della pandemia di Sars-Cov2 che l’età avanzata rappresenta un importante fattore di rischio per lo sviluppo della forma severa della sindrome Covid-19, oggi un nuovo studio descrive quali sono le principali caratteristiche immunitarie delle cellule presenti nel sangue e nei polmoni dei pazienti ultra 70enni che contribuiscono alle forme gravi di Covid-19, portando all’intubazione o alla morte. Il lavoro di ricerca è stato condotto da un team di Unimore, coordinato dal professore Andrea Cossarizza, insieme a Sara De Biasi e a Domenico lo Tartaro.
Lo studio, pubblicato su Communications Biology, ha analizzato 64 pazienti con grave infezione da SarsCov-2, dei quali 31 con età maggiore di 70 anni e 33 con età inferiore ai 60 anni. La quantificazione di oltre 60 molecole solubili e la precisa identificazione delle principali sottopopolazioni dei globuli bianchi, spiegano i ricercatori, hanno permesso di osservare che i pazienti anziani con Covid-19 grave hanno differenti livelli plasmatici di decine di citochine (molecole proteiche) sia infiammatorie, sia anti-infiammatorie, diverse proporzioni di cellule mononucleate del sangue periferico, e una diversa qualità delle cellule T, sentinelle in grado di ‘ricordare’ il nemico (un virus ad esempio) e di far scattare una risposta immunitaria.
La ricerca, spiega Sara De Biasi, “suggerisce che l’infiammazione, unita all’incapacità di montare una risposta antivirale adeguata, potrebbe esacerbare la gravità della malattia e il peggior risultato clinico nei pazienti anziani”.
“Aver chiarito i meccanismi molecolari che vengono attivati nella fase finale e più drammatica dell’infezione da SarsCov-2 – aggiunge Andrea Cossarizza – è un ulteriore tassello nella comprensione della patogenesi di questa infezione. Va sottolineato che quanto abbiamo descritto in questo studio è accaduto nel primo anno della pandemia, quando ancora non c’erano i vaccini, il cui uso ha permesso di salvare milioni di persone, soprattutto quelle anziane e fragili. Ma l’attenzione non deve calare, dato che purtroppo ancora oggi vediamo quadri di questo tipo nelle persone che non si sono vaccinate”.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. Campi obbligatori *