Ora in onda

Titolo

Artista

Programma attuale


Appello ong alla Ue, biomasse non sono fonti rinnovabili

Scritto da il 16 Giugno 2021

Cessare di promuovere le biomasse forestali come soluzioni energetiche sostenibili, rinnovabili e a favore del clima. Una petizione con 200 mila firme di cittadini europei per chiedere di eliminare le biomasse forestali dalla Direttiva europea sulle Energie rinnovabili (RED), attualmente in revisione, è stata consegnata da Forest Defenders Allaince-FDA (network di130 associazioni nazionali e internazionali presenti in Europa e Stati terzi) e BirdLife Europa a Bruxelles, all’Ufficio del Vice Presidente della Commissione europea, FransTimmermans.

In Italia, un appello è stato rivolto da GreenImpact, GUFI – Gruppo Unitario per le Foreste Italiane e Lipu al ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, “per promuovere -, si legge nel documento – una vera politica ‘ecologica’ che protegga le foreste: bruciarle, infatti, è causa di rilascio di CO2 in atmosfera, e il sovra-sfruttamento forestale mette a rischio la biodiversità, già in drammatico declino”.

“L’utilizzo sempre maggiore di biomasse forestali per la produzione di energia – commenta Giovanni Damiani, biologo e presidente dell’associazione GUFI -costituisce un grave pericolo per le foreste, sottoposte a uno sfruttamento intensivo che danneggia la biodiversità. Non possono essere considerate una forma di energia pulita, anche in considerazione delle alte emissioni inquinanti e climalteranti sprigionate dalla combustione di legna e del loro impatto sulla salute umana”.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. Campi obbligatori *