Ora in onda

Titolo

Artista


Trenino del Renon, respinto il ricorso di Sad contro il sequestro di mezzi e immobili

Scritto da il 10 Agosto 2021

Il tribunale di Bolzano ha respinto l’appello di Sad spa contro il sequestro giudiziario di mezzi e immobili del trenino e della funivia del Renon e della funicolare della Mendola. Lo riferisce la Provincia di Bolzano.

Il 30 aprile scorso il tribunale aveva confermato il sequestro conservativo dei beni funzionali, inclusi mezzi e immobili, utilizzati per la funivia del Renon, il trenino del Renon e la funicolare della Mendola nominando come custode di tali beni la società provinciale Sta – Strutture trasporto Alto Adige Spa. Contro questo provvedimento, Sad aveva presentato ricorso, avanzando richiesta di sospensiva immediata dell’esecuzione del sequestro giudiziario. L’argomento di SAD si basava sul fatto che i contratti d’affitto le conferivano la disponibilità di tali beni fino al 2026, indipendentemente dalla sussistenza o meno di una concessione, nel frattempo scaduta. Il 10 luglio, il tribunale aveva respinto la richiesta di sospensiva di Sad e ora è entrato nel merito, rigettando il ricorso e ritenendo sussistenti i motivi di sequestro, così come stabilito dal giudice monocratico.

L’attuale giudizio, spiega una nota della Provincia, «è definitivo e non più appellabile da parte ricorrente». «La decisione del tribunale di Bolzano conferma ulteriormente la bontà della posizione della Provincia – commenta l’assessore provinciale alla mobilità, Daniel Alfreider – ovvero che i beni finanziati con fondi pubblici debbono restare in mano pubblica in modo tale da poter continuare a garantire il servizio ai cittadini e alle cittadine dell’Alto Adige».


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. Campi obbligatori *