Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Aperto di domenica

09:00 12:00


Storia e Storie del Trentino Alto Adige

Scritto da il 9 Novembre 2023

Riascolta qui tutte le puntate di Storia e Storie del Trentino Alto Adige, in onda tutti i giovedì alle ore 20.

Un programma settimanale, ideato e condotto dal giornalista Bruno Zorzi in cui racconta avvenimenti storici poco conosciuti che hanno coinvolto trentini e altoatesini.

La prima puntata – in onda il 9 novembre – racconta la storia di Maria Clementi, originaria di Mezzocorona, e di due giapponesi, fucilati nel giugno del 1944 in Val Leogra, ai piedi del Pasubio. Storia rimasta avvolta nel mistero fino al 2005.

Nella seconda puntata del 16 novembre si racconta la storia dell’irredentista Giuseppe Colpi e della rapina dell’agosto 1909 alla Banca Cooperativa di Trento.

Nella terza puntata di giovedì 23 novembre Bruno Zorzi ha raccontato di Rosa Broll, don Antonio Prudel e Benito Mussolini. La storia inizia il 6 febbraio 1909.

La storia di giovedì 30 novembre è quella di Clara Marchetto, di Pieve Tesino, condannata dal regime fascista per spionaggio militare.

Nella puntata di giovedì 7 dicembre Bruno Zorzi racconta della missione aerea su Milano e Monza del 14 febbraio 1916, con partenza dall’aeroporto di Gardolo.

Giovedì 14 dicembre Bruno Zorzi ha raccontato il primo grande incidente di un aereo di linea, il 22 dicembre 1956 in Val di Sole.

Ecco la storia di Josephine Müller, il nome da spia usato dalla 19enne Luisa Zeni di Arco (1896 – 1940).

1917, Strigno, Valsugana. Si svolge qui la storia raccontata da Bruno Zorzi giovedì 11 gennaio.

Puntata del 18 gennaio. Ultimi giorni di guerra ad Ala (27 aprile 1945).

Nella puntata di giovedì 25 gennaio Bruno Zorzi racconta del primo incontro tra Cesare Battisti, in veste di giornalista, e del boia Joseph Lang, il 19 novembre 1900.

Puntata del 1° febbraio. La morte ad Arco il 27 dicembre 1894 di Francesco II delle Due Sicilie, soprannominato Franceschiello.

È Ludovico Lodron il protagonista della storia di giovedì 8 febbraio.

Una flotta tra i monti. Così potremmo intitolare l’incredibile storia che Bruno Zorzi racconta nella puntata del 15 febbraio.

Puntata del 22 febbraio: 5 febbraio 1593, Folgaria e le pretese feudali dei conti Trapp di Castel Beseno.

Puntata del 29 febbraio. La storia del barone Enrico de Moll di Nomi, capitano di vascello della imperiale marina austroungarica, morto il 20 luglio 1866 nella battaglia di Lissa.

Nella puntata del 7 marzo Bruno Zorzi racconta la storia di Marcello e Mattia Fogolino, spie della Serenissima (1527).

Puntata del 14 marzo dedicata a Josef Kiss. Con 19 vittorie confermate, tutte sul fronte italiano, fu l’asso di nazionalità ungherese di maggior successo e il quinto della k.u.k. Luftfahrtruppen, l’aviazione austro-ungarica, durante la prima guerra mondiale.

Febbraio 1939, inizia a Trento la storia della S.L.O.I. (Società Lavorazioni Organiche e Inorganiche).

Nella puntata del 28 marzo Bruno Zorzi torna a parlare della S.L.O.I. (Società Lavorazioni Organiche e Inorganiche) ripartendo dalla sera del 14 luglio 1978.

Il 16 aprile 1848 al Castello del Buonconsiglio di Trento furono fucilati 21 giovani tra i 20 e i 25 anni, gran parte di loro erano bergamaschi. Si erano arruolati nei Corpi franchi per liberare Trento dal “giogo austriaco”.

La puntata dell’11 aprile è ambientata nel maggio del 1940 ed è dedicata ai 299 pazienti altoatesini di  lingua tedesca dell’ospedale psichiatrico di Pergine Valsugana.

Il decano del capitolo Girolamo Balzani fu assassinato in duomo a Trento, durante le funzioni, da Cristoforo Calepini la mattina del 17 dicembre 1504.

Nella puntata del 25 aprile Bruno Zorzi ripercorre l’ultima strage nazista in Italia, il 4 maggio 1945 a Stramentizzo.

Trento fu la prima città dell’Impero, e tra le primissime in Europa, ad avere la luce elettrica nelle strade e nelle case private. Nella puntata del 2 maggio Bruno Zorzi ricorda la sera del 6 maggio 1889 in cui furono accesi per la prima volta i lampioni in via Santissima Trinità. Ad applaudire tra la folla anche il podestà Paolo Oss Mazzurana.

Bruno Zorzi racconta la storia dell’inventore del primo elicoplano italiano, Guido Moncher, che partecipò, assieme ai più celebri aviatori dell’epoca, al Circuito Aereo di Brescia, una delle prime competizioni aeree internazionali al mondo che si tenne nel settembre 1909 a Montichiari.

La storia raccontata da Bruno Zorzi questa settimana inizia nel 1865: è quella di Guido de Probizer, medico roveretano che contribuì in modo decisivo nella lotta contro la pellagra.

Nella puntata del 23 maggio Bruno Zorzi ci riporta a Luserna il 25 maggio 1915.